"La Regione ha bocciato il piano del traffico" | la CRONACA di RAVENNA

"La Regione ha bocciato il piano del traffico"

Ravenna in Comune: "Non è stato avviato alcun trasporto pubblico a zero emissioni"

08 agosto 2022 - "Leggiamo sulla stampa: “Ravenna, piano del traffico bocciato dai dati della Regione”. Riguarda il piano vigente, il cosiddetto PUMS-Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 29 gennaio 2019 per il quale è in corso un aggiornamento secondo le nuove Linee Guida elaborate dall’Unione Europea" scrive Ravenna in Comune.

"Ricordiamo che il piano originario venne approvato con il voto favorevole di Ravenna in Comune dopo che, in sede di adozione, era stato accolto, tra gli altri, un nostro emendamento per l’introduzione (a seguito di analisi di fattibilità tecnico-economica) di un trasporto pubblico a zero emissioni e gratuito per i cittadini del Comune di Ravenna. Come più volte abbiamo rilevato, di de Pascale non ci si può fidare nemmeno quando si ottiene l’inserimento di precisi impegni nelle delibere comunali. In questo caso non solo non si è avviato, nemmeno a titolo di sperimentazione alcun trasporto (figurarsi se gratuito) a zero emissioni, ma nemmeno è stata realizzata (in realtà, nemmeno programmata) alcuna analisi di fattibilità tecnico-economica".

"Apprendiamo così - aggiunge il movimento - che la Regione ha certificato il “sostanziale fallimento degli obiettivi per quanto riguarda il piano vigente: in fondo, un conto è mettere sulla carta azioni che vadano in direzione di una mobilità sostenibile, un altro è metterla pratica e un altro ancora misurarne gli effetti. Sono proprio i dati a bocciare Ravenna sul fronte dello smog e su quello delle auto. Per quanto riguarda l’inquinamento, dice la Regione, nel 2019 «si sono registrati nella centralina di Zalamella (stazione della rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria) 58 giorni in cui si sono sforati i limiti europei di Pm10, 18 giorni in più rispetto al 2016, andando contro gli obiettivi previsti dal piano che prevedevano la riduzione del numero giorni di sforamento e il miglioramento della qualità dell’aria».

Non è andato meglio il fronte della riduzione del parco auto circolante sul territorio: «Il tasso di motorizzazione – osserva la Regione – è in continuo e notevole aumento passando da 660 vetture ogni mille abitanti nel 2016 a 709 nel 2020, valore nettamente superiore ai dati medi registrati nella provincia, la regione e il valore medio nazionale; tale dato rileva il mancato raggiungimento dell’obiettivo previsto dal Pums che guarda alla riduzione del tasso di motorizzazione». Del resto, scrive poco sopra la Regione, solo il 44% degli obiettivi del piano vigente sono stati raggiunti. Per quanto riguarda la sicurezza stradale «non si evincono a livello complessivo evidenti scostamenti rispetto al quadro rilevato nel 2016». I consumi di carburanti, infine: «Sono risultati incrementi in valore assoluto per i consumi di benzina, gasolio e gpl, più marcati nel triennio 2017 – 2019 e in controtendenza rispetto alla situazione regionale e nazionale». I ravennati, insomma, usano l’auto più di prima. Non stupisce dunque che la Regione segnali come primo elemento ad affrontare queste criticità ancora irrisolte e di valutare la «coerenza tra azione e obiettivo» del Pums vigente”.

Restando al solo dato del trasporto pubblico, che come detto ci sta particolarmente a cuore, da un’analisi dell’Osservatorio sulla Mobilità (sulla base di dati Aci) diffusa lo scorso anno, ben oltre la metà degli autobus pubblici in circolazione nella nostra Provincia, il 55,8%, appartiene alle categorie da Euro 0 ad Euro 4, ossia sono tra i più inquinanti. Si può fare di meglio? Certo. Già nel 2021 a Reggio Emilia tre quarti dei mezzi pubblici appartenevano alle categorie meno inquinanti. Tornando al Pums, le raccomandazioni che arrivano da Bologna sono molte e una buona parte riguarda proprio la necessità di tenerne sotto controllo l’attuazione: «È utile – dice l’ente regionale – individuare gli indicatori per il monitoraggio della efficacia delle medesime azioni, rispetto al raggiungimento degli obiettivi posti dal piano, rispetto ad un arco temporale definito e introducendo target periodici di verifica dell’andamento dell’indicatore».

Annunci a parte, per i quali de Pascale è maestro senza pari, i precedenti storici ci hanno confermato continuamente che la sua Amministrazione è più incline a promettere che mantenere. Ora ne ha dovuto prendere atto perfino la Regione".

Nella foto: la centralina di via Zalamella citata dalla Regione in quanto ai vertici per sforamenti dei limiti di PM10

 

 


© copyright la Cronaca di Ravenna

CONDIVIDI

Altro da:
Politica

Il consigliere del Pd Haxhibeku, sfalcio urgente della vegetazione su via Marabina

Rischi per la circolazione, in particola nella corsia che porta da Lido di Dante ...

Il consigliere del Pd Haxhibeku, sfalcio urgente della vegetazione su via Marabina

Rischi per la circolazione, in particola nella corsia che porta da Lido di Dante ...

Approvato il Bilancio consolidato 2021, polemiche sulle società partecipate

Partiti con idee opposte sulla qualità dei servizi forniti

Approvato il Bilancio consolidato 2021, polemiche sulle società partecipate

Partiti con idee opposte sulla qualità dei servizi forniti

Alleanza Verdi Sinistra: "Costruiamo insieme l'opposizione"

Confronto tra elettori e elettrici, domenica mattina, 2 ottobre alle 9.30, alla Rocca ...

Alleanza Verdi Sinistra: "Costruiamo insieme l'opposizione"

Confronto tra elettori e elettrici, domenica mattina, 2 ottobre alle 9.30, alla Rocca ...

CNA parti

Un libro per te

Domani faccio la brava, il libro-catalogo del fotoreporter Giampiero Corelli

I suoi scatti fanno riflettere e immaginare in quali universi di solitudine possa ...

Sopra le righe

Carlo Ossola: “Non perdiamo la memoria di Dante”. INTERVISTA

Il presidente del Comitato nazionale per le celebrazioni del settimo centenario ha ...

«L'Eremo, il luogo dove ritrovare la nostra spiritualità». INTERVISTA a Don Claudio Ciccillo

Ospite del primo incontro dell'edizione 2022 di "ItineRA", ha portato la sua esperienza ...

Aldo Preda: "Don Minzoni punto di riferimento aspro ed esigente"

Oggi, alle 18, verranno depositati fiori alla lapide di piazza Garibaldi

«Don Ugo, un prete iscritto nell’albo dei santi preti, che fa parte anche della Chiesa di domani»

Preda: «A due anni dalla morte, il ricordo è vivo. La cura della Chiesa, la scuola ...

Ravegnana Radio cessa le trasmissioni

La direttrice Anna De Lutiis: "In futuro abbiamo la speranza di creare una nuova ...

Ersilio Tonini. Domani, giovedì 28 luglio, l'anniversario della scomparsa. Preda: «Il suo dialogo con tutti»

Cerimonia venerdì 29 luglio alle 18.30 in Seminario a Ravenna con il senatore Pierferdinando ...

L'arcivescovo: "La vita prevalga sulla morte"

L'omelia di monsignor Lorenzo Ghizzoni per la Messa del Patrono, Sant'Apollinare

L'artista Luciana Notturni: «È possibile rendere attuale e moderno il mosaico antico». INTERVISTA

Domenica 24 luglio alle 21, chiude la mostra allestita nello spazio espositivo Pallavicini22 ...