Il teatro è un’arte che si fa insieme

Intervista ad Alessandro Argnani e Marcella Nonni, direttori di Ravenna Teatro che questa sera avvia a Castiglione la rassegna E’ temp

23 luglio 2020 - Si inaugura questa sera a Castiglione E’ temp (il tempo), la rassegna che segna il nuovo inizio dell’attività di Ravenna Teatro. Undici spettacoli all’aperto fino al 3 agosto, nell’area del cinquecentesco Palazzo Grossi, con proposte di teatro, cinema e musica legate tanto dallo spirito di ricerca, che anima da sempre l’attività del centro di produzione ravennate, quanto dalla speciale attenzione al territorio.
Tra i protagonisti della manifestazione ci saranno presenze storiche come quella di Luigi Dadina, che fu tra i fondatori del Teatro delle Albe; ci saranno artisti che avrebbero dovuto partecipare alla stagione penalizzata dall’emergenza dei mesi scorsi, come Saverio La Ruina, Chiara Lagani o Mario Perrotta; parteciperà il poeta Nevio Spadoni, da un verso del quale è tratto il titolo della rassegna; il territorio sarà presente con contributi singoli e di gruppi, oltre che attraverso l’impiego della lingua romagnola in più di uno spettacolo.
Uno degli appuntamenti di maggior rilievo è quello con il film Vita agli arresti di Aung San Suu Kyi, sulla vicenda della politica birmana: l’hanno realizzato Marco Martinelli ed Ermanna Montanari, che con Dadina e Marcella Nonni fondarono nel 1983 il Teatro delle Albe, costituitosi otto anni dopo in cooperativa con la Compagnia Drammatico Vegetale sotto il nome di Ravenna Teatro.
Abbiamo rivolto qualche domanda a Marcella Nonni e Alessandro Argnani, che di Ravenna Teatro condividono la direzione; il presidente è Luigi Dadina, mentre i direttori artistici del Teatro delle Albe sono Marco Martinelli ed Ermanna Montanari (Pietro Fenati ed Elvira Mascanzoni quelli di Drammatico Vegetale): un gruppo coeso che da quasi quarant’anni condivide la vita nel teatro e per il teatro, con risultati la cui eccellenza è riconosciuta da tempo in campo internazionale.


Alessandro Argnani, per le restrizioni imposte dal Covid-19 avete dovuto rinunciare a recarvi in diversi Paesi, ma tu hai dichiarato che ora il vostro mondo è il territorio: puoi dirci di più su questo argomento?

"Sia come Teatro delle Albe sia come Compagnia Drammatico Vegetale siamo abituati a pensare il nostro territorio come il luogo dove parte la semina della cultura teatrale. Possiamo pensare di essere persone che abitano e vivono il teatro solo se siamo capaci di fare, raccontare, presentare e offrire agli abitanti della nostra città una visione preziosa del teatro come luogo di crescita; non di fruizione e basta, ma proprio come esperienza che possa farci crescere come comunità.
Ora, in un anno così particolare, le tournée sono ridotte, quindi il nostro mondo ancora di più sarà la nostra terra e cercheremo di investire tutte le energie sulla nostra città, assieme ai nostri concittadini e agli artisti, tanti, che vivono a Ravenna".
Alcuni spettacoli saranno in romagnolo. Ce ne vuoi parlare?
"Noi realizziamo E’ temp a Palazzo Grossi, un luogo che riconosciamo come molto importante e dove abbiamo già fatto diverse esperienze, ma questo spazio vive grazie anche ad altre realtà: in particolare, l’Associazione culturale castiglionese intitolata a Umberto Foschi e il Collegium Musicum Classense, che si occupa dei concerti e parteciperà anch’esso alla nostra rassegna. La Umberto Foschi ha organizzato per noi un recital in dialetto romagnolo e inoltre ci sarà Nevio Spadoni. Abbiamo deciso di servirci, per dare un titolo alla rassegna, di un suo verso e anche lui, che è un poeta delle nostre terre presente nelle pubblicazioni più importanti a livello nazionale, farà un recital incentrandolo sulla figura del matto. L’andrà a scovare in tutte le poesie scritte in dialetto romagnolo, non solo sue, ma anche di altri poeti".

Marcella Nonni, in Ravenna Teatro coesistono generazioni diverse. Quanto è positivo questo fatto?
"C’è la generazione dei sessantenni di cui facciamo parte Ermanna Montanari, Martinelli, Dadina e io, ma è un quarantenne Alessandro Argnani, la persona che condivide con me la direzione di Ravenna Teatro. Anche altri, della sua età o più giovani di lui, sono cresciuti potremmo dire a bottega; sono generazioni di teatranti che si sono sviluppate grazie al lavoro fatto da Ravenna Teatro in questi anni e che poi hanno scelto liberamente se restare all'interno della cooperativa o prendere un’altra strada.
Ci piace dire che alimentiamo la concorrenza. Per noi un aspetto importante del fare teatro è quella di contagiare, un termine che uso in un'accezione positiva, le nuove generazioni. Negli anni sono nate diverse nuove realtà nel nostro campo e Ravenna è una città che oggi ha un grande fermento teatrale: questo per noi è motivo di orgoglio e di soddisfazione".
Voi avete un rapporto speciale con il pubblico. Come lo costruite?

"Per noi gli spettatori sono come delle piccole pianticelle che curiamo, in certi casi, fin dall’infanzia: in alcune nostre iniziative i ragazzi giocano a fare teatro, ma poi a loro volta vengono ad assistere agli spettacoli.
Abbiamo poi costruito degli itinerari per portare gli spettatori al Teatro Rasi dal Forese: da Castiglione, da Piangipane, da Alfonsine, da Russi, da tutta una serie di luoghi per i quali abbiamo organizzato degli autobus. Le persone che si iscrivono pagano non solo l’abbonamento ma anche una piccola quota per il trasporto; durante i percorsi c’è qualcuno che parla dello spettacolo al quale assisteranno.
È un modo per accogliere anche spettatori che magari in macchina non hanno voglia di venire fino a Ravenna oppure hanno paura della nebbia la sera: su questo servizio abbiamo lavorato parecchio, ma ci ha dato molte soddisfazioni.
Organizziamo anche incontri nelle case, per esempio degli aperitivi in cui parliamo della nostra stagione, e in queste occasioni abbiamo avuto da parte degli spettatori delle sollecitazioni che a volte abbiamo accolto. Teniamo molto a stare vicino al nostro pubblico perché il teatro è un’arte dal vivo a cui devono partecipare gli attori, ma è essenziale che ci siano gli spettatori, così come i tecnici e le maschere. Il teatro è qualcosa che si fa insieme".
Patrizia Luppi



© copyright la Cronaca di Ravenna
CONDIVIDI

Altro da:
Sopra le righe

Ricordare la Breccia di Porta Pia? Un fatto rivoluzionario

XX Settembre 1870: con questo episodio veniva sancito il crollo dello Stato Pontificio ...

Ricordare la Breccia di Porta Pia? Un fatto rivoluzionario

XX Settembre 1870: con questo episodio veniva sancito il crollo dello Stato Pontificio ...

Discussione sul decreto Agosto, chissà se si parlerà anche di gas

Presentati emendamenti per far riprendere la produzione

Discussione sul decreto Agosto, chissà se si parlerà anche di gas

Presentati emendamenti per far riprendere la produzione

Fondi UE non imminenti, la legge di bilancio punti da subito sullo sviluppo

L’intervento di Antonio Patuelli, presidente Abi (e del Gruppo Cassa) alla presenza ...

Fondi UE non imminenti, la legge di bilancio punti da subito sullo sviluppo

L’intervento di Antonio Patuelli, presidente Abi (e del Gruppo Cassa) alla presenza ...

RAVENNA FESTIVAL

Sopra le righe

Ricordare la Breccia di Porta Pia? Un fatto rivoluzionario

XX Settembre 1870: con questo episodio veniva sancito il crollo dello Stato Pontificio ...

Discussione sul decreto Agosto, chissà se si parlerà anche di gas

Presentati emendamenti per far riprendere la produzione

Fondi UE non imminenti, la legge di bilancio punti da subito sullo sviluppo

L’intervento di Antonio Patuelli, presidente Abi (e del Gruppo Cassa) alla presenza ...

Studenti protagonisti delle celebrazioni dantesche VIDEOINTERVISTA

Il dirigente scolastico Raffaele Iosa spiega il ruolo della scuola

Bakkali: "Anno scolastico particolare, insieme gliela faremo"

L'assessore comunale all'Istruzione e all'Infanzia fa il punto su nidi, scuole dell'infanzia, ...

Dante, da piazza San Francesco prende il via il tour mondiale

Nel 700° anniversario della morte del Poeta, gli eventi guardano al futuro. Ossola: ...

"Ammutinamenti avvicina il pubblico alla danza urbana". Intervista a Giulia Melandri

Fino al 20 settembre la XXII edizione del Festival organizzato da Cantieri Danza

Il drago del mahjong cerca sala. Intervista al regista Lamattina

A Rocca Cinema l'originale film sull'antico gioco cinese