Fondi UE non imminenti, la legge di bilancio punti da subito sullo sviluppo

L’intervento di Antonio Patuelli, presidente Abi (e del Gruppo Cassa) alla presenza del Governatore Visco

16 settembre 2020 - Pubblichiamo l’intervento di apertura del Presidente dell'ABI, Antonio Patuelli, nella riunione del Comitato Esecutivo ABI alla presenza del Governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco.

Signor Governatore,
grazie per aver accettato il nostro invito di partecipare a questa riunione del Comitato Esecutivo dell'ABI.Le banche in Italia, dallo scoppio della pandemia, pur nelle complessità dell'emergenza sanitaria, hanno accentuato gli sforzi per contribuire alla resistenza dell'economia e alla ripresa dello sviluppo e dell'occupazione.

L'ABI, già a fine febbraio, promosse e concordò con le associazioni d'impresa e con i sindacati una moratoria, poi ampliata dal decreto legge 17 marzo.
Gli oltre 300 miliardi delle moratorie finora deliberate dalle banche evidenziano i nostri sforzi.
Ugualmente, da subito, abbiamo fatto ogni sforzo per applicare i successivi decreti legge: in particolare è proficua la collaborazione delle banche col Fondo di Garanzia e la Sace.

Importanti sono state, parallelamente, le decisioni della BCE sia sulle politiche monetarie, sia sulle regole bancarie: sono state in parte accolte anche nostre proposte. Occorre proseguire in queste revisioni e aggiornamenti, innanzitutto evitando di confermare l'introduzione di misure, pensate prima del Covid, come le nuove tempistiche della maturazione dei deterioramenti dei prestiti bancari e conseguentemente delle svalutazioni relative. Quelle soglie, pensate prima del Covid, erano già troppo sincopate, soprattutto per le abitudini italiane: ora, con e dopo il Covid, a maggior ragione, chiediamo siano ripensate e riviste. Cosi come non deve essere traumatico e frettoloso il passaggio dalle regole bancarie proprie dell'emergenza Covid a quelle post pandemia, oltretutto quando la pandemia e' ancora in atto e non si sa quando finirà.

Importantissime sono le decisioni della UE per gli investimenti per la ripresa, ma saranno non velocissime le procedure di adozione e di ratifica da parte degli organi costituzionali di ben 27 Stati nazionali. Quindi non è imminente l'arrivo dei fondi europei tanto attesi ed utili. Pertanto, a maggior ragione, occorre che la legge italiana di bilancio per il 2021 sia anche orientata decisamente da subito al sostegno dello sviluppo. In tal senso e' molto importante l'adozione di una nuova e rafforzata ACE per favorire il rafforzamento patrimoniale delle imprese.

E' indispensabile concentrare ora gran parte degli sforzi per la ripresa dello sviluppo e dell'occupazione produttiva: ciò sia per ragioni economiche e sociali, sia per far meglio fronte al debito pubblico italiano che non può crescere all'infinito e non può essere all'infinito assorbito dalla BCE e dalla Banca d'Italia.


© copyright la Cronaca di Ravenna
CONDIVIDI

Altro da:
Sopra le righe

La Trilogia d’Autunno, Dante e l’amore caparbio della città

È stata presentata oggi al Teatro Alighieri la nuova produzione “Faust rapsodia. ...

La Trilogia d’Autunno, Dante e l’amore caparbio della città

È stata presentata oggi al Teatro Alighieri la nuova produzione “Faust rapsodia. ...

Pablo Neruda, un delitto di Pinochet?

Intervista a Roberto Ippolito, che oggi alla Classense parlerà del libro d’inchiesta ...

Pablo Neruda, un delitto di Pinochet?

Intervista a Roberto Ippolito, che oggi alla Classense parlerà del libro d’inchiesta ...

L'avvio di un grande progetto con il Corso di laurea in Medicina. A Ravenna studenti preparati

Chi ha superato il test è nella prima metà della graduatoria nazionale, dove Ravenna, ...

L'avvio di un grande progetto con il Corso di laurea in Medicina. A Ravenna studenti preparati

Chi ha superato il test è nella prima metà della graduatoria nazionale, dove Ravenna, ...

RAVENNA FESTIVAL

Un libro per te

La donne valorose di Serena Dandini

Le vite di trentaquattro donne, intraprendenti, controcorrente, spesso perseguitate, ...

Sopra le righe

La Trilogia d’Autunno, Dante e l’amore caparbio della città

È stata presentata oggi al Teatro Alighieri la nuova produzione “Faust rapsodia. ...

Pablo Neruda, un delitto di Pinochet?

Intervista a Roberto Ippolito, che oggi alla Classense parlerà del libro d’inchiesta ...

L'avvio di un grande progetto con il Corso di laurea in Medicina. A Ravenna studenti preparati

Chi ha superato il test è nella prima metà della graduatoria nazionale, dove Ravenna, ...

Si mangia ogni giorno (non per tutti) e qualcuno meglio degli altri

Le stelle Michelin in un secolo di storia

Paolo Roversi-Studio Luce. “Alla fine la fotografia è solo una questione d’Amore”

270 scatti raccontano i cinquant'anni di lavoro del grande fotografo di moda. La ...

don Francesco, Pirro e Renzo a passeggio in via Stradone

Guardigli? Si batteva con la parola e con la penna

Dacia Maraini: "La bellezza di questa città? Etica, non estetica". L'INTERVISTA

La scrittrice ha presentato alla Classense il libro 'Trio'

I Chiostri, la Tomba, il Lauro e le Letture: Dante per sempre Sommo nella spiritualità della basilica

Il racconto ‘speciale’ della serata in San Francesco