Tari: "Le imprese artigiane non devono essere penalizzate" | la CRONACA di RAVENNA

Tari: "Le imprese artigiane non devono essere penalizzate"

Lettera di Cna e Confartigianato a tutti i Sindaci della provincia di Ravenna

09 agosto 2022 - Confartigianato e Cna hanno inviato, nei giorni scorsi, a tutti i Sindaci della provincia di Ravenna una lettera per segnalare alcune incongruenze previste dai nuovi regolamenti TARI approvati dalle Amministrazioni Comunali della provincia, nei quali non è stato tenuto conto delle novità che il D.Lgs. 116/2020 ha apportato al Codice Ambientale (D.Lgs. 152/06) per quanto attiene la gestione dei rifiuti.

Tra queste novità, la più importante per le imprese di produzione del mondo artigiano, vi è l’esclusione dal calcolo della TARI di tutte le superfici ove vi sia una produzione prevalente e continuativa di rifiuti speciali. Questi ultimi, con le modifiche apportate al Codice Ambientale, non possono essere smaltiti attraverso l’utilizzo del servizio pubblico, e non possono più essere ‘assimilati’ agli urbani dai Regolamenti Comunali. Pertanto, ad esclusione di un elenco di rifiuti speciali che la norma definisce ‘simili’ agli urbani, i rifiuti speciali devono essere smaltiti esclusivamente attraverso un servizio privato a spese dell’azienda. Rimangono quindi soggetti al pagamento della Tari le superfici che producono rifiuti urbani, come gli uffici, le mense/ refettori e i servizi igienici.

Nel corso dei confronti con le Amministrazioni Comunali, a seguito dell’approvazione dei nuovi regolamenti TARI che dovevano recepire tali novità, è emerso tuttavia che da queste previsioni normative erano state escluse le attività di produzione del settore artigianale.

Nonostante che il Ministero della Transizione Ecologica, con una propria circolare, abbia chiarito non vi è distinzione di appartenenza a specifici settori, confermando di fatto la tesi sollevata da CNA e Confartigianato, non si è riusciti a trovare con i Comuni della nostra Provincia né sul piano tecnico, né sul piano politico una posizione comune, che tutelasse in qualche modo il mondo artigianale, il quale si ritroverà, nella pratica, a dover pagare la TARI ma senza la possibilità di poter usufruire del servizio pubblico. In buona sostanza le imprese artigiane dovranno pertanto pagare due volte e cioè lo smaltimento in proprio dei rifiuti speciali prodotti e la Tari, ed in alcuni casi, senza poter usufruire di alcun tipo di agevolazione per il recupero dei rifiuti riciclabili.

Di fronte ad una simile situazione, che comporta un aumento notevole di costi da parte delle aziende ed un incremento delle problematiche legate allo smaltimento dei rifiuti, Confartigianato e CNA nell’ambito delle loro attività di rappresentanza, svolgeranno tutte le azioni possibili per la tutela delle imprese associate segnalando lo stato di profondo disagio e di grave penalizzazione che le stesse subiranno nel momento in cui verranno applicati in maniera restrittiva i regolamenti TARI attualmente vigenti.


© copyright la Cronaca di Ravenna
CONDIVIDI

Altro da:
Economia

Il rigassificatore si svela a Palazzo Corradini

Presentazione pubblica del progetto martedì 11 ottobre alle 20,15 a Palazzo Corr ...

Il rigassificatore si svela a Palazzo Corradini

Presentazione pubblica del progetto martedì 11 ottobre alle 20,15 a Palazzo Corr ...

A due fondi di investimento la maggioranza del capitale del Gruppo Quick

Michele Marzucco continuerà a ricoprire la carica di Amministratore Delegato

A due fondi di investimento la maggioranza del capitale del Gruppo Quick

Michele Marzucco continuerà a ricoprire la carica di Amministratore Delegato

L'export frena, ma non si ferma

L’Emilia-Romagna ancora seconda regione per esportazioni. Secondo trimestre +15, ...

L'export frena, ma non si ferma

L’Emilia-Romagna ancora seconda regione per esportazioni. Secondo trimestre +15, ...

CNA parti

Un libro per te

Domani faccio la brava, il libro-catalogo del fotoreporter Giampiero Corelli

I suoi scatti fanno riflettere e immaginare in quali universi di solitudine possa ...

Sopra le righe

Carlo Ossola: “Non perdiamo la memoria di Dante”. INTERVISTA

Il presidente del Comitato nazionale per le celebrazioni del settimo centenario ha ...

«L'Eremo, il luogo dove ritrovare la nostra spiritualità». INTERVISTA a Don Claudio Ciccillo

Ospite del primo incontro dell'edizione 2022 di "ItineRA", ha portato la sua esperienza ...

Aldo Preda: "Don Minzoni punto di riferimento aspro ed esigente"

Oggi, alle 18, verranno depositati fiori alla lapide di piazza Garibaldi

«Don Ugo, un prete iscritto nell’albo dei santi preti, che fa parte anche della Chiesa di domani»

Preda: «A due anni dalla morte, il ricordo è vivo. La cura della Chiesa, la scuola ...

Ravegnana Radio cessa le trasmissioni

La direttrice Anna De Lutiis: "In futuro abbiamo la speranza di creare una nuova ...

Ersilio Tonini. Domani, giovedì 28 luglio, l'anniversario della scomparsa. Preda: «Il suo dialogo con tutti»

Cerimonia venerdì 29 luglio alle 18.30 in Seminario a Ravenna con il senatore Pierferdinando ...

L'arcivescovo: "La vita prevalga sulla morte"

L'omelia di monsignor Lorenzo Ghizzoni per la Messa del Patrono, Sant'Apollinare

I trent’anni di Fanny & Alexander tra tenacia, follia e saggezza. INTERVISTA a Chiara Lagani

Debutta martedì 12 luglio alle 21 al Teatro Alighieri per il Ravenna Festival il ...