Domani faccio la brava, il libro-catalogo del fotoreporter Giampiero Corelli | la CRONACA di RAVENNA

Domani faccio la brava, il libro-catalogo del fotoreporter Giampiero Corelli

I suoi scatti fanno riflettere e immaginare in quali universi di solitudine possa trovarsi una persona, in questo caso una donna, che pur avendo commesso degli errori, sa che sarà difficile ritornare presto alla vita normale

06 settembre 2022 - Domani faccio la brava, è il titolo del libro-catalogo del fotoreporter Giampiero Corelli pubblicato da Danilo Montanari Editore.
È un volume che si legge non solo nella ricca introduzione in italiano e in inglese ma soprattutto attraverso le immagini: oggi siamo abituati alla lettura immediata e l’immagine sa trasmettere, senza interferenze linguistiche, le emozioni del momento.

Corelli è impegnato da anni nella ricerca dell’essenza più vera e sfuggente dell’universo femminile, in un viaggio che ne riscopre l’identità più profonda e meno conosciuta. Ben noto come fotoreporter che collabora da sempre con le più grandi testate giornalistiche italiane e internazionali, propone, ancora una volta, le immagini dedicate alle donne e alle carceri.
Per seguirlo in questo percorso viene in aiuto non solo il libro-catalogo, ma anche la mostra che sarà visibile a Palazzo Rasponi dalle Teste fino al 18 settembre. Sono cinquanta immagini scattate dal 2008 ad oggi.

Corelli ha sempre dedicato una particolare attenzione alle donne e le ha individuate nei luoghi più insoliti, in ospedali, in conventi, nelle carceri. La sua è una sensibilità particolare che riesce ad esprimere, con attenzione e partecipazione, attraverso le immagini.
I suoi scatti fanno riflettere e immaginare in quali universi di solitudine possa trovarsi una persona, in questo caso una donna, che pur avendo commesso degli errori, sa che sarà difficile ritornare presto alla vita normale.
Giampiero Corelli - scrive Renata Ferri nella presentazione del volume - entra nelle celle, raccoglie confessioni terribili di donne disarmate, consapevoli e sincere, che rivelano sogni e ammettono crimini.

Oggi, dopo aver vissuto due anni di pandemia con momenti di grande solitudine, con l’impossibilità di  muoverci liberamente, di uscire, in certi bui periodi, forse ora possiamo provare a immaginare cosa si prova quando si è costretti ad essere privati, anche se giustamente, della propria libertà di movimento, dei rapporti sociali, di una vita normale.
Anna De Lutiis


© copyright la Cronaca di Ravenna
CONDIVIDI

Altro da:
Un libro per te

"La luna fra le mani", metafora di una delusione

Il romanzo di Franco Gàbici edito da Il Ponte Vecchio. L'autore per la prima volta ...

"La luna fra le mani", metafora di una delusione

Il romanzo di Franco Gàbici edito da Il Ponte Vecchio. L'autore per la prima volta ...

Matteo Cavezzali “Il labirinto delle nebbie”

Un romanzo giallo-noir ambientato in uno dei luoghi più suggestivi e affascinanti ...

Matteo Cavezzali “Il labirinto delle nebbie”

Un romanzo giallo-noir ambientato in uno dei luoghi più suggestivi e affascinanti ...

Bere come un vero scrittore

100 ricette per ricreare i drink che hanno ispirato i giganti della letteratura

Bere come un vero scrittore

100 ricette per ricreare i drink che hanno ispirato i giganti della letteratura

Biscotti Saltari

Un libro per te

"La luna fra le mani", metafora di una delusione

Il romanzo di Franco Gàbici edito da Il Ponte Vecchio. L'autore per la prima volta ...

Sopra le righe

Tre titoli d’opera e tre di danza. De Rosa: «Avremo suggestioni positive». Novità a teatro: digitale e fotovoltaico INTERVISTA

Dal 14 gennaio al 23 aprile torna al Teatro Alighieri la “Stagione d’Opera e Danza”. ...

Tais Conte Renzetti: “Così fan tutte”, un capolavoro sempre nuovo INTERVISTA

Per la Trilogia d'autunno, al Teatro Alighieri dal 31 ottobre, la direttrice d’orchestra ...

VII Biennale di Mosaico Contemporaneo. Sbaraglia: «Un clima internazionale, che ci proietta all'edizione 2023». INTERVISTA

Dalle 10 di oggi, sabato 8 ottobre, si sono susseguite numerose inaugurazioni di ...

«La Viking Sea doveva tornare al largo e aspettare in sicurezza la fine della tempesta». INTERVISTA

Nuovi particolari sull'incidente del 17 settembre quando la nave da crociera ruppe ...

Gli Amici di Viale Baracca, aperti alla città nel nome della musica. INTERVISTA

Martedì 27 settembre la prima edizione del Premio per giovani musicisti, poi la Notte ...

Carlo Ossola: “Non perdiamo la memoria di Dante”. INTERVISTA

Il presidente del Comitato nazionale per le celebrazioni del settimo centenario ha ...

«L'Eremo, il luogo dove ritrovare la nostra spiritualità». INTERVISTA a Don Claudio Ciccillo

Ospite del primo incontro dell'edizione 2022 di "ItineRA", ha portato la sua esperienza ...

Aldo Preda: "Don Minzoni punto di riferimento aspro ed esigente"

Oggi, alle 18, verranno depositati fiori alla lapide di piazza Garibaldi