Negli spazi del Museo Tamo una sala studio, aule e laboratori per gli studenti universitari | la CRONACA di RAVENNA

Negli spazi del Museo Tamo una sala studio, aule e laboratori per gli studenti universitari

Ci sarà anche un punto ristoro. Le collezioni di RavennAntica ospitate nell'ex chiesa di San Nicolò sono state trasferite al Museo Classis. Prevista anche l’acquisizione di un nuovo edificio da destinare ad aule per l’attività didattica

28 marzo 2024 - Il Campus di Ravenna dell’Università di Bologna si amplia grazie alla stretta collaborazione tra il Comune di Ravenna e l’Alma Mater. Saranno infatti destinati al Campus gli spazi dell’ex chiesa di San Nicolò, in via Rondinelli, che fino a qualche tempo fa ha ospitato il Museo Tamo, le cui collezioni sono state destinate al Museo Classis per farne un polo unico di valorizzazione del mosaico antico.

L’acquisizione di questo edificio fa parte di un piano dell’Alma Mater per il Campus di Ravenna che prevede sia il potenziamento degli spazi per le studentesse e gli studenti e di spazi per la didattica e la ricerca con nuove acquisizioni, sia la razionalizzazione e ottimizzazione degli spazi esistenti.

Nell’ex Chiesa di San Niccolò sarà realizzata una nuova sala studio con dotazioni bibliotecarie, della superficie complessiva di circa 950 metri quadrati. A questa si aggiungeranno altri spazi presenti nelle corti interne – per circa ulteriori 350 metri quadrati – da destinare a laboratori e aule per i corsi di studio in Restauro. Infine, sarà realizzato un punto ristoro a cui saranno collegati ampi spazi coperti nei chiostri.

“L’Ateneo ha elaborato un importante piano di ampliamento e razionalizzazione degli spazi nel Campus di Ravenna”, dichiara il Rettore Giovanni Molari. “Tale piano, che prevede un investimento complessivo di circa 10 milioni di euro, riguarda una serie di interventi edilizi già in corso, finalizzati al completamento della sede della Scienze Ambientali a Sant’Alberto, alla manutenzione e rifunzionalizzazione di Palazzo Corradini e di Casa Traversari e alla sistemazione degli spazi della ex Fisioterapia per le esigenze dei corsi di area medica. Inoltre, è in previsione un potenziamento degli spazi della sede di via Tombesi dall’Ova, che comprenderà anche una nuova sala studio.
A queste iniziative si aggiunge lo spazio ex Tamo presso la chiesa di San Nicolò, messo a disposizione dall’amministrazione comunale, che ringrazio per la sensibilità e la collaborazione dimostrata. Il piano sarà completato quando sarà possibile entrare in possesso di un nuovo edificio da destinare principalmente ad aule e laboratori per la didattica, che permetterà di completare l’offerta di spazi didattici e per servizi agli studenti nel Campus ravennate, rendendolo pienamente adeguato al consolidamento e futuro sviluppo dell’offerta universitaria nella città”.

Per un completo consolidamento del Campus di Ravenna si renderà infatti necessaria l’acquisizione di un ulteriore nuovo edificio di circa 3000 metri quadrati da destinare ad aule per l’attività didattica con integrati da laboratori didattici e di ricerca.

Inoltre, gli edifici oggi esistenti saranno oggetto di una generale riqualificazione sia edilizia che impiantistica – peraltro già iniziata e in corso in alcuni edifici del Campus – perseguendo anche una razionalizzazione dell’uso degli spazi interni finalizzata sia ad aumentare le dotazioni di servizio agli studenti, ad esempio prevedendo in ogni edificio sale studio e punti di ristoro, sia a migliorare la flessibilità d’uso di aule e laboratori riconducendo le loro dimensioni a quelle maggiormente necessarie all’attività didattica del Campus.

“Siamo estremamente orgogliosi e grati – dichiarano il sindaco Michele de Pascale e l’assessore all’Università Fabio Sbaraglia - per l’investimento che l’Alma Mater Studiorum sta compiendo sul nostro Campus in ordine all’ampliamento e al consolidamento dei corsi presenti a Ravenna e viviamo a un tempo come una grandissima opportunità e come un’importante responsabilità l’andamento in crescita delle immatricolazioni su Ravenna. Siamo sempre più convinti del decisivo apporto che la presenza dell’Università può offrire a tutto il nostro territorio. Ci troviamo pertanto in piena sintonia nell’indentificare come assoluta priorità la necessità di ampliare e qualificare la disponibilità di spazi da mettere a disposizione del Campus, sia per l’attività didattica, sia per servizi dedicati agli studenti e studentesse che scelgono Ravenna per questo importantissimo periodo di studi.
È uno sforzo su cui questo Comune non ha mai mancato di offrire il massimo del contributo possibile e anche in questa fase non mancheremo a questo che ci sembra un dovere nei confronti di ciò che nel tempo si è strutturato come un asset importantissimo per la nostra città sotto tanti punti di vista. Per questo abbiamo accolto con la massima disponibilità la richiesta degli spazi del complesso di San Nicolò e ci adopereremo affinché vengano messi nelle disponibilità dell’Ateneo il più in fretta possibile. E siamo ovviamente disponibili a ragionare sulla possibilità di concedere anche altri spazi”.


© copyright la Cronaca di Ravenna
CONDIVIDI

Altro da:
Università

Ravenna, un anno dopo l’alluvione

Istituzioni locali e ricercatori insieme per ricordare, informare e presentare gli ...

Ravenna, un anno dopo l’alluvione

Istituzioni locali e ricercatori insieme per ricordare, informare e presentare gli ...

Nuovi spazi, riqualificazioni e sostenibilità: ecco il Piano Edilizio dell’Alma Mater

Presentato il quadro delle opere per il triennio 2024-26: 104 cantieri in programma ...

Nuovi spazi, riqualificazioni e sostenibilità: ecco il Piano Edilizio dell’Alma Mater

Presentato il quadro delle opere per il triennio 2024-26: 104 cantieri in programma ...

Corso di laurea in Medicina e Chirurgia, una sede unica all'ospedale Santa Maria delle Croci

Aula magna, laboratori, aule, uffici concentrati nel presidio in viale Randi a Ravenna. ...

Corso di laurea in Medicina e Chirurgia, una sede unica all'ospedale Santa Maria delle Croci

Aula magna, laboratori, aule, uffici concentrati nel presidio in viale Randi a Ravenna. ...

Biscotti Saltari

Sopra le righe

"Strùffati": Comune e Prefettura in difesa delle persone vittime di truffe. Il video con Maria Pia Timo

Tornano le azioni sul territorio. Si parte martedì 9 aprile alle 20.30 all'Almagià ...

Ortazzo, «lo scandalo continua»

Gli ambientalisti: «Il Parco del Delta non emette alcun cenno risoluto rispetto a ...

Dialogo sul Mediterraneo. INTERVISTA a Marc Lazar

È uno dei due protagonisti con l’ex Ministro Marco Minniti, del dibattito organizzato ...

Architettura, «una nuova visione con al centro la qualità». INTERVISTA

Come sfuggire alla schiavitù nei confronti delle logiche di mercato. Ne parla Marco ...

Salvò al mondo la Domus dei Tappeti di Pietra

RavennAntica intitoli uno spazio pubblico a Ezio Fedele Brini

Prospettiva Dante. Giancarlo Giannini incanta il pubblico

L'attore italiano ha aperto la XII edizione del festival promosso dalla Fondazione ...

Celebrato il 702esimo annuale di Dante. LE FOTO

Dalla prolusione alla Biblioteca Classense all'Offerta dell'Olio

Alluvione/ Oltre 600 firme per la petizione “Stop al pagamento delle utenze"

Promossa da una cittadina di Fornace Zarattini, Alessandra Musumeci. «Eni, Hera, ...