RAVENNA FESTIVAL / Paolo Rumiz e Fabio Mina a Cervia

Lo spettacolo fa parte della rassegna "Per l’alto sale - Il Trebbo in musica 2.0. lo scrittore e giornalista triestino svela Quell’Europa che viene da Oriente – per cogliere le affinità e riscoprire le radici comuni

30 giugno 2020 - Non può fare a meno di guardare a Oriente Ravenna Festival, espressione di una città che è sempre stata, nel corso della propria storia, una porta aperta sull’Adriatico e quindi sul Mediterraneo; crocevia di popoli, culture e influenze che non ha mai perduto quella sua “dolce ansietà d’Oriente” di cui scriveva Montale.

Ed è proprio con un poema, presentato per la prima volta al pubblico, che Paolo Rumiz traccia un itinerario lungo il non-confine che unisce Oriente e Occidente: per la rassegna "Per l’alto sale - Il Trebbo in musica 2.0" lo scrittore e giornalista triestino svela Quell’Europa che viene da Oriente – per cogliere le affinità, riscoprire le radici comuni sul filo di un racconto che si dipana in compagnia di un altro spirito irrequieto, Fabio Mina, tra i flautisti italiani più affermati e versatili, profondamente affascinato dalle musiche, e dagli strumenti a fiato, di quel versante del mondo.

“Che cos’è l’Europa? Quali sono i suoi confini? A Oriente nessun limite, il vecchio continente si confonde con l’Asia, a Occidente invece c’è l’oceano, oltre il quale per millenni nessuno è potuto andare. È da Oriente che sempre sono arrivati i popoli che si sono fermati qui e di cui siamo figli noi europei.

Andare verso Oriente è un po’ come tornare alle origini – spiega Paolo Rumiz – Sono triestino, nella mia città abbiamo avuto mercanti armeni, greci, libanesi, turchi... da noi chi ha orecchie per intendere e fiuto per annusare sente il profumo di quelle terre”.
Per lui, camminatore e scrittore, viaggiare in quelle terre significa ritrovare, in un certo senso, anche la strada di casa, la rotta lungo la quale molto dell’Europa che conosciamo oggi si è formata, ibridata, arricchita. Così a Cervia, ancora più vicino a quel mare su cui innumerevoli influenze hanno navigato fino a raggiungere le nostre sponde, Rumiz invita il pubblico a unirsi al viaggio.

Altra guida d’eccezione della serata è il riminese Fabio Mina. Lo studio del flauto lo accompagna sin da giovanissimo e ancora studente si è dedicato all’improvvisazione jazz e quindi alla ricerca di uno spazio musicale senza confini, approcciando anche aerofoni delle più diverse parti del mondo.

Tra le collaborazioni quella stabile con il trombettista Markus Stockhausen, poi con il percussionista Marco Zanotti, nonché con Fabrizio Ottaviucci, Enzo Pietropaoli, Tara Boumann, Luigi Ceccarelli, Cristiano De André e Vinicio Capossela. Oltre agli strumenti a fiato utilizza l’elettronica, in equilibrio tra fruibilità e sperimentazione.

Giovedì 2 luglio la rassegna continua con l’architetto Stefano Boeri, autore del Bosco Verticale di Milano, per discutere Architettura e Natura; le note sono quelle della tromba di Paolo Fresu e del bandoneon di Daniele Di Bonaventura.

Approfondisci qui



© copyright la Cronaca di Ravenna
CONDIVIDI

Altro da:
Eventi

RAVENNA FESTIVAL / Riccardo Muti dirige l'eroica di Beethoven per la Siria

Concerto dedicato all’attivista civile Hevrin Khalaf e all’archeologo Khaled al-Asaad, ...

RAVENNA FESTIVAL / Riccardo Muti dirige l'eroica di Beethoven per la Siria

Concerto dedicato all’attivista civile Hevrin Khalaf e all’archeologo Khaled al-Asaad, ...

Dj set e cena in Piazza Costa grazie a Mercato Coperto e Costa Caffè

Parte la rassegna 'Note di sapore'. Cinque serate in luglio

Dj set e cena in Piazza Costa grazie a Mercato Coperto e Costa Caffè

Parte la rassegna 'Note di sapore'. Cinque serate in luglio

RAVENNA BELLA DI SERA / Al via le visite guidate in musica

Alla scoperta della Ravenna di Dante, dei Rasponi e dei Da Polenta. Concerto finale ...

RAVENNA BELLA DI SERA / Al via le visite guidate in musica

Alla scoperta della Ravenna di Dante, dei Rasponi e dei Da Polenta. Concerto finale ...

RAVENNA FESTIVAL

Sopra le righe

RAVENNA FESTIVAL/ "Io, Zerha Dogan, in carcere in Turchia per un'opera d'arte"

L’artista e giornalista, l’assessore Elsa Signorino e Cristina Mazzavillani Muti ...

CGIL: "Positivo il ruolo affidato alla Fondazione RavennAntica"

Il sindacato interviene sull'accordo di valorizzazione da quale può scaturire una ...

RAVENNA FESTIVAL / Iván Fischer: dopo l’isolamento, nuovo inizio in Italia

Intervista al direttore d’orchestra ungherese che con la Budapest Festival Orchestra ...

RAVENNA FESTIVAL / Intervista a Paolo Rumiz

"Racconto il mito di Europa ambientandolo nel Mediterraneo di oggi. Noi usiamo il ...

RAVENNA FESTIVAL/ Beatrice Rana e Ludwig van Beethoven, due giovani a confronto

Intervista alla pianista salentina dalla brillante carriera che domani sera sarà ...

RAVENNA FESTIVAL / “I sommersi e i salvati”, anche Primo Levi a confronto con il Covid-19

Intervista a Chiara Lagani di Fanny & Alexander sullo spettacolo di questa sera alla ...

RAVENNA FESTIVAL / Intervista a Gad Lerner: "Covid, stop a confronti tra scienziati e cialtroni"

Il giornalista insieme alla virologa Ilaria Capua sarà questa sera all'Arena dello ...

"Il Trebbo del Ravenna Festival dedicato ad Artusi? Un'occasione per attualizzare il suo pensiero"

Franco Chiarini (CheftoChef emiliaromagnacuochi): "Creiamo tanti Artusi contemporanei, ...