"In suspensus", quando la fotografia dialoga con la scultura | la CRONACA di RAVENNA

"In suspensus", quando la fotografia dialoga con la scultura

Dialogo a tre voci di due generazioni diverse alla Fondazione Sabe per l'Arte: Carlo Benvenuto, Enrico Cattaneo ed Elena Modorati. La mostra, curata da Angela Madesani, è visitabile fino al 7 aprile

21 gennaio 2024 - C’è stato il pubblico delle grandi occasioni, fra appassionati e cultori d’arte, ieri mattina alla vernice della mostra “In suspensus” alla Fondazione Sabe per l’Arte di Ravenna, che mette insieme le opere di tre artisti, di due generazioni diverse, che si esprimono con differenti linguaggi: Elena Modorati (1969), Carlo Benvenuto (1966) ed Enrico Cattaneo (1933-2019).

Per la prima volta insieme, grazie all’iniziativa della curatrice Angela Madesani, storica dell’arte che insegna all’Istituto Europeo di Design e all’Istituto Secoli di Milano. La mostra, che resterà aperta fino al prossimo 7 aprile, è realizzata con il patrocinio del Comune di Ravenna e del Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna – Campus di Ravenna e in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Ravenna.

“In suspensus” è la prima mostra del 2024 della Fondazione Sabe, aperta nel 2021 da Norberto Bezzi e Mirella Saluzzo, con l’obiettivo di diffondere l’arte contemporanea con un occhio di riguardo per la scultura. E non solo: è anche la prima di tre mostre dedicate alla fotografia lungo tutto il corso dell’anno.

«Indagheremo sulla fotografia in rapporto alla scultura e allo spazio – spiega il direttore artistico Pasquale Fameli –. Focus di questa prima mostra è, in particolare, la relazione tra foto e natura morta. Nella successiva esposizione, che vedrà protagonista Claudio Marra, prenderemo invece in considerazione il rapporto tra foto e paesaggio. Nella terza e ultima mostra, verso fine anno, con Federica Muzzarelli ci sarà poi la possibilità di entrare nel vivo dei temi di genere e delle pratiche sociali anche identitarie».

A spiegare, con emozione, come è maturato il progetto della nuova mostra e il rapporto con la curatrice Modorati, è stato Norberto Bezzi, presidente della Fondazione Sabe per l’Arte.
«Questo è un lavoro che mi coinvolge molto – racconta –. Con la curatrice ci lega un ricordo particolare della giornata in cui venne a trovarci e a fare insieme un bel giro in bicicletta, una cosa semplice ma che ci ha avvicinato molto. Da allora ci siamo sempre tenuti in contatto, vedendoci in particolare a Milano.
C’è poi un secondo elemento personale che tengo a ricordare: la presenza delle opere di Cattaneo, grande artista che ha fotografato molte delle opere di mia moglie Mirella Saluzzo a Milano. Anche se non è più con noi, lo è nello spirito. Per questo rivolgo un ringraziamento speciale a tutti i componenti del comitato scientifico che hanno subito approvato il progetto».

A entrare nel vivo di ‘In suspensus” è poi la curatrice stessa. «Mettere insieme tre artisti diversi non è mai facile – spiega –. Fil rouge della mostra è il concetto di imitazione che, in qualche modo, ricorre in tutti loro. Penso per esempio alla fotografia di Benvenuto relativa alla biografia di David Hockney che non ha nessuna pretesa di veridicità, con al suo fianco un dado e una moneta di finto oro. Oppure al suo bicchiere che in realtà è una scultura in vetro di Murano.
La prima con cui ho parlato del progetto è l’amica Elena Modorati, con cui condivido la passione per Giorgio Morandi. Adoro le sue teche in cui accosta la copia e la realtà. Il pubblico può ammirare inoltre la sua finestra-installazione con dentro degli oggetti, tipo vasi, o la tavola imbandita con la tovaglia della nonna e un gruppo di ciotole.
Anche Enrico Cattaneo è stato un amico, un uomo molto intelligente, che ha saputo guardare a Morandi, nelle sue opere per l’appunto definite ‘Morandiane’, sempre con un tocco personale. Alla fine, nel complesso, mi è parso che il dialogo tra i tre artisti funzionasse».

La mostra, che proseguirà fino al 7 aprile, sarà accompagnata da un catalogo edito da Danilo Montanari Editore e arricchita da altri eventi organizzati nel periodo di apertura.

Apertura al pubblico il giovedì, venerdì, sabato e domenica dalle 16 alle 19.
Ingresso libero.
Informazioni: info@sabeperlarte.org e www.sabeperlarte.org.
 


© copyright la Cronaca di Ravenna
CONDIVIDI

Altro da:
Cultura

“Italia revisited #1. Campionario per immagini”

Grande successo per la vernice della mostra personale del fotografo Massimo Bald ...

“Italia revisited #1. Campionario per immagini”

Grande successo per la vernice della mostra personale del fotografo Massimo Bald ...

Palazzo Guiccioli, «un luogo di grande civismo e cultura costituzionale»

Il presidente della Cassa di Ravenna e dell'Abi, AntonioPatuelli, all'inaugurazione ...

Palazzo Guiccioli, «un luogo di grande civismo e cultura costituzionale»

Il presidente della Cassa di Ravenna e dell'Abi, AntonioPatuelli, all'inaugurazione ...

Palazzo Guiccioli apre il 19 aprile. Visite guidate e spettacolo serale con Franco Nero

Per due giorni è possibile entrare nel cantiere dell'imponente residenza storica ...

Palazzo Guiccioli apre il 19 aprile. Visite guidate e spettacolo serale con Franco Nero

Per due giorni è possibile entrare nel cantiere dell'imponente residenza storica ...

Biscotti Saltari

Sopra le righe

"Strùffati": Comune e Prefettura in difesa delle persone vittime di truffe. Il video con Maria Pia Timo

Tornano le azioni sul territorio. Si parte martedì 9 aprile alle 20.30 all'Almagià ...

Ortazzo, «lo scandalo continua»

Gli ambientalisti: «Il Parco del Delta non emette alcun cenno risoluto rispetto a ...

Dialogo sul Mediterraneo. INTERVISTA a Marc Lazar

È uno dei due protagonisti con l’ex Ministro Marco Minniti, del dibattito organizzato ...

Architettura, «una nuova visione con al centro la qualità». INTERVISTA

Come sfuggire alla schiavitù nei confronti delle logiche di mercato. Ne parla Marco ...

Salvò al mondo la Domus dei Tappeti di Pietra

RavennAntica intitoli uno spazio pubblico a Ezio Fedele Brini

Prospettiva Dante. Giancarlo Giannini incanta il pubblico

L'attore italiano ha aperto la XII edizione del festival promosso dalla Fondazione ...

Celebrato il 702esimo annuale di Dante. LE FOTO

Dalla prolusione alla Biblioteca Classense all'Offerta dell'Olio

Alluvione/ Oltre 600 firme per la petizione “Stop al pagamento delle utenze"

Promossa da una cittadina di Fornace Zarattini, Alessandra Musumeci. «Eni, Hera, ...