"Dante poeta-scrittore". La targa più offensiva, l'ennesima persecuzione | la CRONACA di RAVENNA

"Dante poeta-scrittore". La targa più offensiva, l'ennesima persecuzione

Dis-ORDINE: «In Italia esistono 3793 targhe a lui dedicate. In nessun luogo al mondo è definito "scrittore", solo a Ravenna, davanti al suo sepolcro. Un piccolo errore, ma che apre la strada a una grande risata. Poniamo fine a questa vergogna».

16 maggio 2023 - Tra anniversari danteschi, Congressi internazionali e Biennali del Mosaico Contemporaneo, l’Associazione Dis-ORDINE «cerca come sempre di dare rilevanza anche agli interstizi della realtà cittadina e di segnalare quegli elementi che sembrano marginali, ma che partecipano anch’essi a rendere leggibile la nostra città».

«Esistono migliaia di targhe toponomastiche dedicate al sommo poeta, il più famoso e conosciuto al mondo: piazze, vie, lapidi. Secondo alcune stime in Italia dovrebbero essere 3793! Ravenna ha l’ordito della propria storia intessuta con la trama dantesca e più volte si è stati perfino tentati di estendere la toponomastica dantesca, assegnando nomi di vie a chi fece il primo commento della Comedia (Jacopo Alighieri), a chi contribuì al recupero degli ultimi canti (Piero Giardini), a chi ospitò il poeta a Ravenna (Guido Novello da Polenta), a chi ne salvò le ossa pochi anni dopo la sua morte (Pino della Tosa), a chi evitò la distruzione di quei resti nell’Ottocento (Anastasio Matteucci), a custodi storici della tomba (Antonio Fusconi) e a famosi estensori di epitaffi».

«Tutto giusto e auspicabile, ma non dimentichiamo che in nessun luogo al mondo Dante è stato definito «SCRITTORE». Solo a Ravenna, proprio davanti al suo sepolcro, compare la targa più offensiva ove viene definito POETA-SCRITTORE.

Abbiamo trovato corrispondenza di intenti e di sensibilità anche presso studiosi, artisti, intellettuali, politici e cittadini comuni che in centinaia hanno sottoscritto questo nostro appello per correggere quello che consideriamo un piccolo errore ma che apre la strada ad una grande risata. Poniamo fine a questa vergogna», chiede Dis-ORDINE. 


© copyright la Cronaca di Ravenna
CONDIVIDI

Altro da:
Cultura

'Cuore': a Faenza un murale dell'artista Igor Scalisi Palminteri

Con la sua realizzazione è stato inaugurato il Festival di Street Art 'Impronte di ...

'Cuore': a Faenza un murale dell'artista Igor Scalisi Palminteri

Con la sua realizzazione è stato inaugurato il Festival di Street Art 'Impronte di ...

Libro Aperto, in uscita il nuovo numero

La rivista esclusivamente culturale è diretta da Antonio Patuelli

Libro Aperto, in uscita il nuovo numero

La rivista esclusivamente culturale è diretta da Antonio Patuelli

La squadra delle Tavelli ha partecipato alla Coppa Kangourou

La scuola media dell’Istituto, unica del ravennate, ha partecipato alle finali nazionali ...

La squadra delle Tavelli ha partecipato alla Coppa Kangourou

La scuola media dell’Istituto, unica del ravennate, ha partecipato alle finali nazionali ...

RAVENNA FESTIVAL

Sopra le righe

"Strùffati": Comune e Prefettura in difesa delle persone vittime di truffe. Il video con Maria Pia Timo

Tornano le azioni sul territorio. Si parte martedì 9 aprile alle 20.30 all'Almagià ...

Ortazzo, «lo scandalo continua»

Gli ambientalisti: «Il Parco del Delta non emette alcun cenno risoluto rispetto a ...

Dialogo sul Mediterraneo. INTERVISTA a Marc Lazar

È uno dei due protagonisti con l’ex Ministro Marco Minniti, del dibattito organizzato ...

Architettura, «una nuova visione con al centro la qualità». INTERVISTA

Come sfuggire alla schiavitù nei confronti delle logiche di mercato. Ne parla Marco ...

Salvò al mondo la Domus dei Tappeti di Pietra

RavennAntica intitoli uno spazio pubblico a Ezio Fedele Brini

Prospettiva Dante. Giancarlo Giannini incanta il pubblico

L'attore italiano ha aperto la XII edizione del festival promosso dalla Fondazione ...

Celebrato il 702esimo annuale di Dante. LE FOTO

Dalla prolusione alla Biblioteca Classense all'Offerta dell'Olio

Alluvione/ Oltre 600 firme per la petizione “Stop al pagamento delle utenze"

Promossa da una cittadina di Fornace Zarattini, Alessandra Musumeci. «Eni, Hera, ...