Italo Tommasoni su Giuliana Balice: il percorso artistico e il catalogo | la CRONACA di RAVENNA

Italo Tommasoni su Giuliana Balice: il percorso artistico e il catalogo

«È stata dimenticata per troppo tempo». Possibilità di visitare la mostra fino al 2 aprile alla Fondazione Sabe per l’Arte

10 marzo 2023 - Nei locali della Fondazione Sabe per l’Arte di Ravenna, dove fino al prossimo 2 aprile sarà possibile visitare la mostra personale di Giuliana Balice Equilibri instabili, si è tenuta ieri sera la conferenza a cura del critico d’arte Italo Tomassoni incentrata sul percorso dell’artista. Ed è stata anche l’occasione, dinanzi a un bel pubblico di appassionati e curiosi, di presentare il catalogo della mostra edito da Danilo Montanari.

Per Tomassoni, autore tra l’altro della monumentale monografia Giuliana Balice. Una geometria inquieta (Skira, 2022), è stato un ritorno a Ravenna a quasi due mesi dall’inaugurazione della mostra. Per motivi di età, la 92enne Balice non è infatti potuta arrivare in città, ma sta seguendo con grande interesse tutti gli eventi.

«Balice è stata ingiustamente dimenticata per troppo tempo» spiega Tomassoni, curatore della mostra. «Basti pensare che la sua ultima apparizione risale alla Quadriennale di Roma del 1999. Ed è questo che mi ha spinto a scrivere una monografia dopo averla incontrata a Milano, dove sono rimasto profondamente colpito dalla quantità e qualità delle sue opere, soprattutto sculture ma non solo, perché lei era anche un’ottima pittrice. Il primo incontro in realtà risale al 1969, a una mostra alla galleria dei Fiori di Firenze. Poi ci siamo rivisti al Centro Rizzoli di Milano nel 1974 in occasione della presentazione della monografia di Guido Montana. Per lungo tempo ci siamo persi di vista, finché è stata lei a contattarmi quattro anni fa e a invitarmi a visitare il suo atelier.»

Nata a Napoli nel 1931, Balice si è trasferita a Milano negli anni Cinquanta dove ha tenuto la sua prima mostra alla Galleria Numero. La sua produzione è ricca, complessa, coerente, rigorosa e soprattutto distante dall’arte programmata e “aperta” degli anni Sessanta e Settanta.

«La sua è una personalità forte e decisa» commenta Tomassoni «e grazie a questo è riuscita a costruirsi una carriera autonoma e uno stile molto originale in un momento in cui era difficile emergere se non si era inseriti in un gruppo artistico. Il più noto era il Gruppo T a Milano, ma c’era anche il gruppo N a Padova. Si caratterizzavano per una medesima poetica per avere un esito collettivo e non individuale, al punto da considerare le opere “aperte”, persino anonime. Ecco, lei è riuscita a farsi strada anche senza aver praticamente rapporti con questi altri artisti, osannati dalla critica e dalle gallerie. Le sue opere sono “chiuse” e indubbiamente contraddistinte dalla sua firma».

La geometria è la cifra distintiva del suo lavoro, è l’elemento costitutivo di tutto il suo lungo percorso artistico, dal periodo giovanile sino alla maturità. «Si può quasi dire che Balice abbia una capacità ipnotica di farsi guidare dal demone della geometria» afferma Tomassoni. Per lei è quasi un’ossessione, un dispositivo attraverso cui costruisce il suo mondo in modo individuale.

Balice usa lo spazio come se fosse una forma, oltre ovviamente a dare forma alle sue opere. «La sua» conclude Tomassoni «è un’arte di contrazione, “concentrativa” dei significati dell’arte, fatta di oggetti intransitivi, autosufficienti e mai metaforici. Il suo è uno stile minimale, razionale, estremamente razionale, come si riflette anche nella produzione di piccoli oggetti quotidiani come zuccheriere, portalettere e portaoggetti che ormai fanno parte della storia del design italiano».

Ha partecipato all’incontro, oltre a diversi artisti e critici d’arte, anche l’assessore comunale alla Cultura. «Sono molto felice e orgoglioso» afferma Fabio Sbaraglia «di una realtà come questa che aiuta a valorizzare l’arte. Luoghi come la Fondazione Sabe vivono non solo di progettualità, ma anche del fare comunità. Noi vi accompagneremo in questo percorso». 


© copyright la Cronaca di Ravenna

CONDIVIDI

Altro da:
Cultura

Codice Rosso, picchia la compagna al culmine dell’ennesima lite. Arrestato dai carabinieri

La donna è stata colpita ripetutamente con calci e pugni

Codice Rosso, picchia la compagna al culmine dell’ennesima lite. Arrestato dai carabinieri

La donna è stata colpita ripetutamente con calci e pugni

NTERconNETtiamoci... ma con la testa!

In corso nelle scuole primarie un progetto dei Lions sulla sicurezza informatica ...

NTERconNETtiamoci... ma con la testa!

In corso nelle scuole primarie un progetto dei Lions sulla sicurezza informatica ...

È partito il crowdfunding per il restauro dell’"Iconografia Camaldolese"

L’iniziativa è stata lanciata dall'Associazione degli Amici della Biblioteca Classense, ...

È partito il crowdfunding per il restauro dell’"Iconografia Camaldolese"

L’iniziativa è stata lanciata dall'Associazione degli Amici della Biblioteca Classense, ...

RAVENNA FESTIVAL

Un libro per te

Martinelli, «che cosa significa lavorare nel coro?»

Nel suo ultimo libro spiega che va educato con la poesia, il canto e il moviment ...

Sopra le righe

Ortazzo, «lo scandalo continua»

Gli ambientalisti: «Il Parco del Delta non emette alcun cenno risoluto rispetto a ...

Dialogo sul Mediterraneo. INTERVISTA a Marc Lazar

È uno dei due protagonisti con l’ex Ministro Marco Minniti, del dibattito organizzato ...

Architettura, «una nuova visione con al centro la qualità». INTERVISTA

Come sfuggire alla schiavitù nei confronti delle logiche di mercato. Ne parla Marco ...

Salvò al mondo la Domus dei Tappeti di Pietra

RavennAntica intitoli uno spazio pubblico a Ezio Fedele Brini

Prospettiva Dante. Giancarlo Giannini incanta il pubblico

L'attore italiano ha aperto la XII edizione del festival promosso dalla Fondazione ...

Celebrato il 702esimo annuale di Dante. LE FOTO

Dalla prolusione alla Biblioteca Classense all'Offerta dell'Olio

Alluvione/ Oltre 600 firme per la petizione “Stop al pagamento delle utenze"

Promossa da una cittadina di Fornace Zarattini, Alessandra Musumeci. «Eni, Hera, ...

Prospettiva Dante/ Il festival dedicato al Poeta con Giannini, Patty Pravo e Linus

Dal 13 al 17 settembre dodicesima edizione dell'evento promosso dalla Fondazione ...