Dante2021+1, il nuovo avvio del Festival che guarda già al futuro | la CRONACA di RAVENNA

Dante2021+1, il nuovo avvio del Festival che guarda già al futuro

Alfieri, presidente della Fondazione Cassa, ha aperto l'evento agli Antichi Chiostri Francescani

14 settembre 2022 - È approdato a una nuova edizione, l’undicesima, il Festival nato in preparazione del settimo centenario dalla morte di Dante. Si è sempre chiamato Dante2021, quest’anno si chiama Dante2021+1 e “non sappiamo quale nome avrà nei prossimi anni, ma vi assicuro che queste giornate dedicate al culto di Dante continueranno. Il Festival si è radicato a Ravenna, che è una città di cultura” ha affermato, durante la giornata inaugurale di mercoledì 14 agli Antichi Chiostri Francescani, Ernesto Giuseppe Alfieri, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna che ha ideato e sostenuto fin dall’inizio la manifestazione. 

Alfieri ha ricordato poi la volontà della Fondazione di lasciare nel nome di Dante “qualcosa che duri nel tempo”, ed ecco il progetto per il nuovo portale di San Francesco, la basilica di Dante, che l’autore, il celebre scultore Mimmo Paladino, illustrerà venerdì sera; ha poi citato la frase tratta dal Purgatorio che fa da titolo all’edizione di quest’anno, “per quella pace / ch'i' credo che per voi tutti s'aspetti”, riferendola in particolare al conflitto tra Russia e Ucraina e sottolineando come tutti speriamo che la pace arrivi, e che arrivi in fretta.

Nel corso dell’inaugurazione, durante la quale sono intervenuti il direttore artistico di Dante2021+1 Domenico De Martino, Nicoletta Maraschio, presidente onoraria dell’Accademia della Crusca, e l’assessore comunale alla cultura Fabio Sbaraglia, si sono succeduti due incontri: il primo proprio con un rappresentante della cultura ucraina, il poeta Boris Chersonskij, che ha parlato con lo slavista Marco Sabbatini della presenza di Dante nella poesia ucraina del passato e del presente e che oggi alle 17, sempre ai Chiostri, presenterà alcune delle sue opere.

Al secondo incontro ha partecipato il presidente del Comitato nazionale per le celebrazioni dantesche del settimo centenario, Carlo Ossola, con lo scrittore argentino-canadese Alberto Manguel, in una conversazione che ha preso le mosse dal libro con testi dello stesso Manguel e le foto di Nicola Smerilli “Dante. Orizzonti dell'esilio / The Landscapes of Exile”, edito da Olschki. 

Una parte delle immagini del libro è esposta nei Chiostri, in una mostra che porta lo stesso titolo e che rispecchia la lettura di Manguel della commedia “come libro elementare, cioè dei quattro elementi principali”, ha spiegato Ossola: acqua, aria, terra e fuoco nel loro vicendevole trasmutarsi. “Molto spesso trattiamo la Commedia come un oggetto fisico” ha concluso lo studioso. “Lo è, perché è stata scritta; ma, come dice Dante stesso, è anche un oggetto metafisico. Dobbiamo uscire dalla bruta materialità.” 

Patrizia Luppi

 


© copyright la Cronaca di Ravenna

CONDIVIDI

Altro da:
Cultura

Visita virtuale agli immobili storici della Cassa di Ravenna

Nel video-clip “Invito a Palazzo”, in occasione della Giornata di apertura al pubblico ...

Visita virtuale agli immobili storici della Cassa di Ravenna

Nel video-clip “Invito a Palazzo”, in occasione della Giornata di apertura al pubblico ...

“Darsena chiama, Rigenerazione risponde”: incontro con Saveria Teston

Venerdì 30 settembre prosegue la manifestazione regionale “Rigenera - Fare con” presso ...

“Darsena chiama, Rigenerazione risponde”: incontro con Saveria Teston

Venerdì 30 settembre prosegue la manifestazione regionale “Rigenera - Fare con” presso ...

Per la Festa di Radio 3, un laboratorio di mosaico dedicato a Lucio Dalla

Un anticipo sulle iniziative in programma per la Biennale di Mosaico Contemporaneo ...

Per la Festa di Radio 3, un laboratorio di mosaico dedicato a Lucio Dalla

Un anticipo sulle iniziative in programma per la Biennale di Mosaico Contemporaneo ...

Biscotti Saltari

Un libro per te

Domani faccio la brava, il libro-catalogo del fotoreporter Giampiero Corelli

I suoi scatti fanno riflettere e immaginare in quali universi di solitudine possa ...

Sopra le righe

Carlo Ossola: “Non perdiamo la memoria di Dante”. INTERVISTA

Il presidente del Comitato nazionale per le celebrazioni del settimo centenario ha ...

«L'Eremo, il luogo dove ritrovare la nostra spiritualità». INTERVISTA a Don Claudio Ciccillo

Ospite del primo incontro dell'edizione 2022 di "ItineRA", ha portato la sua esperienza ...

Aldo Preda: "Don Minzoni punto di riferimento aspro ed esigente"

Oggi, alle 18, verranno depositati fiori alla lapide di piazza Garibaldi

«Don Ugo, un prete iscritto nell’albo dei santi preti, che fa parte anche della Chiesa di domani»

Preda: «A due anni dalla morte, il ricordo è vivo. La cura della Chiesa, la scuola ...

Ravegnana Radio cessa le trasmissioni

La direttrice Anna De Lutiis: "In futuro abbiamo la speranza di creare una nuova ...

Ersilio Tonini. Domani, giovedì 28 luglio, l'anniversario della scomparsa. Preda: «Il suo dialogo con tutti»

Cerimonia venerdì 29 luglio alle 18.30 in Seminario a Ravenna con il senatore Pierferdinando ...

L'arcivescovo: "La vita prevalga sulla morte"

L'omelia di monsignor Lorenzo Ghizzoni per la Messa del Patrono, Sant'Apollinare

I trent’anni di Fanny & Alexander tra tenacia, follia e saggezza. INTERVISTA a Chiara Lagani

Debutta martedì 12 luglio alle 21 al Teatro Alighieri per il Ravenna Festival il ...