Aldo Preda: "Don Minzoni punto di riferimento aspro ed esigente" | la CRONACA di RAVENNA

Aldo Preda: "Don Minzoni punto di riferimento aspro ed esigente"

Oggi, alle 18, verranno depositati fiori alla lapide di piazza Garibaldi

22 agosto 2022 - Oggi, lunedì 22 agosto, alle ore 18, viene ricordato don Giovanni Minzoni nel 99° anniversario della morte, deponendo i fiori alla lapide di piazza Garibaldi a Ravenna.

L’incontro, organizzato dal Centro Studi Donati, ACLI, Associazione Zaccagnini, Azione Cattolica, Cif, Agesci, Masci sarà coordinato da Livia Molducci e saranno letti brani del diario di don Minzoni. Dopo il saluto di Michele de Pascale è previsto l’intervento di Albertina Soliani, Vice Presidente Nazionale Anpi.

Sulla figura di don Minzoni, pubblichiamo la riflessione di Aldo Preda.

“Un prete di confine”, così definiva don Minzoni l’Arcivescovo Baldassarri e da questo derivava  la sua  triplice opposizione al fascismo sul piano evangelico, per il rifiuto alla violenza, su quello associazionistico, per la difesa degli scout,  su quello politico, per l’impegno nel Partito popolare di Sturzo.

Egli fu prete, un prete che visse il suo sacerdozio senza formalismi e dove fede e carità avevano la prevalenza su tutto.

Fu l’Arciprete di Argenta, eletto tale dai capi famiglia, che tornando a casa la sera vede i circoli socialisti pieni di gente, la sua Chiesa con pochi fedeli anziani e  scrive sul diario: “  Non so... ogni volta che ripasso mi assale un sentimento di invidia: quanto amerei di essere la dentro… Signori io vado ripetendo  convertire un Marx in Paolo e la questione sarà sciolta….”

Non credo debba essere attualizzato don Minzoni per le esigenze dell’oggi, ma  se c’è una figura che  rappresenta un punto di riferimento aspro ed esigente per tutti, credo possa essere questo prete, martire della violenza fascista, la cui vita e la cui  morte sono state un segno per tutti, un segno non integralista, perché sulle sue utopie,  sui riferimenti  alla dignità della persona umana, sui diritti di solidarietà e di libertà sono cresciute intere generazioni di giovani e su quel patrimonio è nata la nostra carta costituzionale.

Nel 1983 Giovanni Paolo II, in un messaggio all’Arcivescovo Tonini, sottolineava come nel nome di don Minzoni siamo chiamati a servire i valori morali, a rendere più sano il costume, ed a perseguire una sempre maggiore onestà in tutta la sfera della vita pubblica. 

Scrive Zaccagnini che ai suoi funerali a Ravenna, si videro nella Chiesa di S. Domenico molti repubblicani e socialisti, che non erano mai entrati in una Chiesa e da quel giorno il nome di don Minzoni divenne simbolo di libertà e amore per l’uomo.

Aldo Preda


© copyright la Cronaca di Ravenna

CONDIVIDI

Altro da:
Politica

Pri, bene il Comune su luci e sicurezza

Raccagni e Mingozzi ricordano il ruolo avuto dal prefetto De Rosa e dal vicesindaco ...

Pri, bene il Comune su luci e sicurezza

Raccagni e Mingozzi ricordano il ruolo avuto dal prefetto De Rosa e dal vicesindaco ...

"A Ravenna manca una piscina per i tuffi"

"Può completare l'offerta natatoria" afferma Alvaro Ancisi (capogruppo di Lista per ...

"A Ravenna manca una piscina per i tuffi"

"Può completare l'offerta natatoria" afferma Alvaro Ancisi (capogruppo di Lista per ...

Coraggiosa: "Giusta la riaccensione dei lampioni"

"Consideriamo importante l’aver tenuto conto degli impatti sugli aspetti reali o ...

Coraggiosa: "Giusta la riaccensione dei lampioni"

"Consideriamo importante l’aver tenuto conto degli impatti sugli aspetti reali o ...

CNA parti

Un libro per te

"La luna fra le mani", metafora di una delusione

Il romanzo di Franco Gàbici edito da Il Ponte Vecchio. L'autore per la prima volta ...

Sopra le righe

Tre titoli d’opera e tre di danza. De Rosa: «Avremo suggestioni positive». Novità a teatro: digitale e fotovoltaico INTERVISTA

Dal 14 gennaio al 23 aprile torna al Teatro Alighieri la “Stagione d’Opera e Danza”. ...

Tais Conte Renzetti: “Così fan tutte”, un capolavoro sempre nuovo INTERVISTA

Per la Trilogia d'autunno, al Teatro Alighieri dal 31 ottobre, la direttrice d’orchestra ...

VII Biennale di Mosaico Contemporaneo. Sbaraglia: «Un clima internazionale, che ci proietta all'edizione 2023». INTERVISTA

Dalle 10 di oggi, sabato 8 ottobre, si sono susseguite numerose inaugurazioni di ...

«La Viking Sea doveva tornare al largo e aspettare in sicurezza la fine della tempesta». INTERVISTA

Nuovi particolari sull'incidente del 17 settembre quando la nave da crociera ruppe ...

Gli Amici di Viale Baracca, aperti alla città nel nome della musica. INTERVISTA

Martedì 27 settembre la prima edizione del Premio per giovani musicisti, poi la Notte ...

Carlo Ossola: “Non perdiamo la memoria di Dante”. INTERVISTA

Il presidente del Comitato nazionale per le celebrazioni del settimo centenario ha ...

«L'Eremo, il luogo dove ritrovare la nostra spiritualità». INTERVISTA a Don Claudio Ciccillo

Ospite del primo incontro dell'edizione 2022 di "ItineRA", ha portato la sua esperienza ...

Aldo Preda: "Don Minzoni punto di riferimento aspro ed esigente"

Oggi, alle 18, verranno depositati fiori alla lapide di piazza Garibaldi