"Il Governo sappia che i pubblici esercizi sono esasperati" | la CRONACA di RAVENNA

"Il Governo sappia che i pubblici esercizi sono esasperati"

Lettera di Confcommercio e Confesercenti con la richiesta di modificare i provvedimenti per consentire un minimo di attività"

05 gennaio 2021 - C’è disagio nel mondo del commercio per i tempi di adozione dei provvedimenti governativi. Questa mattina Mauro Mambelli, presidente Confcommercio, e Monica Ciarapica, presidente Confesercenti, hanno inviato una lettera al presidente della Regione Stefano Bonaccini, al prefetto Enrico Caterino, al presidente della Provincia Michele de Pascale e ai sindaci del territorio provinciale "per rappresentare lo stato di sofferenza delle piccole e medie imprese al Governo, affinché se ne tenga conto nelle nuove ed importanti decisioni che si stanno assumendo in queste ore".

“La gestione della pandemia, giustamente, mette al centro della propria azione la salute delle persone - si legge nella lettera - e la complessa tenuta del sistema ospedaliero e sanitario.
Nel corso di questi mesi, come associazioni di rappresentanza delle piccole e medie imprese, non ci siamo mai sottratti alle nostre responsabilità e abbiamo svolto un difficile ruolo di capillare informazione verso i nostri soci, che in diverse occasioni hanno incontrato difficoltà a comprendere il senso delle decisioni messe in atto dal Governo".

Particolare disagio "è avvertito a causa dei tempi di adozione dei provvedimenti che determinano le scelte, che non lasciano mai la possibilità di organizzare il proprio lavoro.
Anche nel decreto appena varato dal Governo pare che i pubblici esercizi possano stare aperti il 7 e 8 gennaio e debbano richiudere il 9 e il 10 in quanto zona arancione. Sarebbe necessario e opportuno che in zona arancione, alla pari degli altri esercizi commerciali e artigiani, bar e ristoranti possano dare continuità al proprio lavoro rimanendo aperti fino alle 18, nel massimo rispetto delle prescrizioni sanitarie".

Sono numerose le professioni che stanno soffrendo questa complessa situazione "ma una categoria che a nostro avviso è ormai allo stremo è quella dei pubblici esercizi. Costretti da diversi mesi fra esclusiva possibilità di asporto e domicilio o, nei momenti migliori, apertura solo fino alle 18. Completamente perso l’importante periodo lavorativo delle feste natalizie".

Confcommercio e Confesercenti confermano di ricevere quotidianamente "segnali di preoccupazione ed esasperazione, come se si trattasse di un accanimento verso la categoria. Considerato l’andamento dei contagi, appare peraltro evidente che non vi sono certezze circa la presunta diffusione del virus attraverso la frequentazione di bar e ristoranti.
Vi chiediamo cortesemente di rappresentare questo stato di sofferenza al Governo, affinché se ne tenga conto nelle nuove ed importanti decisioni che si stanno assumendo in queste ore.
Riteniamo, infatti, che nel rispetto delle misure di sicurezza, bar e ristoranti non rappresentino fonte di diffusione del virus o certamente non lo siano in misura maggiore di altre situazioni".

"Crediamo, quindi, che indipendentemente dalla classificazione adottata sulla base del colore di appartenenza - conclude la lettera - i pubblici esercizi andrebbero totalmente riconsiderati e catalogati con modalità che permettano di esercitare il proprio lavoro in sicurezza ma con dignità e possibilità di programmazione”.

Nella foto: il centro storico sempre deserto



© copyright la Cronaca di Ravenna
CONDIVIDI

Altro da:
Economia

Registro Imprese: compie 25 anni il big data unico delle aziende italiane

L’anagrafe digitale del sistema camerale mette a disposizione oltre 6 milioni di ...

Registro Imprese: compie 25 anni il big data unico delle aziende italiane

L’anagrafe digitale del sistema camerale mette a disposizione oltre 6 milioni di ...

La Cna: "Dante anche nel 2022 con apposite risorse"

Un documento per il rilancio del turismo consegnato all'assessore Costantini

La Cna: "Dante anche nel 2022 con apposite risorse"

Un documento per il rilancio del turismo consegnato all'assessore Costantini

Dopo un anno, i circoli ricreativi, culturali e sociali tornano a vedere la luce. La soddisfazione di Legacoop

Grazie a un emendamento approvato ieri dal Senato, potranno riprendere, quando le ...

Dopo un anno, i circoli ricreativi, culturali e sociali tornano a vedere la luce. La soddisfazione di Legacoop

Grazie a un emendamento approvato ieri dal Senato, potranno riprendere, quando le ...

RAVENNA FESTIVAL

Un libro per te

“Dice che era un bell'uomo... Il genio di Dalla e Pallottino”: a 50 anni dalla pubblicazione di “4/3/1943” esce il libro di Massimo Londini

Nel volume numerosi scatti fotografici di Walter Breveglieri, la prefazione scritta ...

Sopra le righe

Elio Germano e Chiara Lagani: “Siamo liberi di pensare con la nostra testa?”

Intervista alla coautrice che spiega il lavoro sulle parole del “Mein Kampf” per ...

"Orfeo", una storia di giovani senza il finale. Intervista a Pier Luigi Pizzi: "Mi piace immaginare che non ci sia nessuno, neanche Dio, a salvarlo. Non esiste altro che la solitudine"

In questi giorni è a Ravenna per regia, scene e costumi dell’opera di Monteverdi ...

"Tessere del '900" e i progetti culturali dedicati a Dante. Intervista al presidente Casavecchia

L'influenza del Sommo Poeta nella società del secolo scorso sarà il tema di un ciclo ...

Intervista al regista Gerardo Lamattina in lizza per il David di Donatello. LE FOTO DI SCENA

“Il Drago di Romagna”, incentrato sul 'magiò', il popolare gioco di origine cinese ...

Chiarini: "I ristoranti riaprono? Evviva". Critiche alla moltiplicazione delle 'denominazioni'

"Tra i servizi e diritti di base emersi col Covid (salute, istruzione, cibo) va inserita ...

La cultura riparte velocemente. Niente chiusura settimanale il lunedì e presto orari lunghi

Intervista a Maurizio Tarantino. Il passaggio in zona gialla permette di nuovo l’accesso ...

Il diavolo e l’anima ai tempi dell’epidemia. Intervista a Luca Micheletti

Il regista e interprete dell’Histoire du Soldat di Stravinskij che oggi, sabato 23 ...

I giovani per Dante in treno con il MEI

Il Meeting degli Indipendenti di Faenza invita gli under 35 a formare una nuova orchestra ...