L'avvio di un grande progetto con il Corso di laurea in Medicina. A Ravenna studenti preparati

Chi ha superato il test è nella prima metà della graduatoria nazionale, dove Ravenna, secondo un dato parziale, è al 12° posto davanti a Forlì. Le ricadute dell'Università sulla sanità, l'organizzazione ospedaliera e l'economia del territorio

12 ottobre 2020 - L’avvio delle lezioni del corso di laurea in Medicina e Chirurgia non può essere ricondotto solo a qualche numero statistico, perché ha un valore ben maggiore, legato alla sanità, all’organizzazione ospedaliera e all’economia del territorio. Anzi, proprio sul corso di laurea che parte oggi, sono destinati a incrociarsi i destini dell’Alma Mater e dell’Ausl Romagna.

Per avere accesso alle lezioni ravennati bisognava aver conseguito un punteggio a test almeno di 46,3 punti, un decimale in più rispetto a Forlì. Le porte di Bologna si sono spalancate solo a chi ha ottenuto almeno 51,8 punti. La presenza di un centinaio di studenti, che a regime saranno 600 con la frequenza obbligatoria e la necessità vincolante di vivere a Ravenna, farà certamente la differenza per l’economia, per chi affitta appartamenti, per ristoranti, bar e negozi.

Ma ciò che apre interessanti prospettive di crescita è la collaborazione tra tutti e quattro i Campus dell’Università e l’Ausl romagnola, una delle più grandi d’Italia. Un primo segnale si è avuto un paio di anni fa quando l’Alma Mater è entrata nell’azionariato dell’Irst di Meldola. E ora Medicina e Chirurgia sarà l’occasione per sviluppare le eccellenze che vi sono all’interno dell’ospedale di Ravenna e che hanno bisogno di essere messe in evidenza.

I professionisti impegnati in ambito ospedaliero potranno avere il ruolo di “professori straordinari” del Corso e gli studenti che frequenteranno i reparti, e a cui gli ospedalieri insegneranno, rappresenteranno uno stimolo che andrà al di là della routine quotidiana.

Anche all’estero gli atenei con i corsi di laurea in medicina sono considerati più prestigiosi. E’ una formazione attorno alla quale girano risorse notevoli, Ravenna ha quindi fatto un investimento lungimirante.

Quello che si profila all’orizzonte è un salto complessivo di qualità, legato alle dinamiche che il corso di laurea innescherà. Ad esempio, è possibile che chi completerà la sua formazione a Ravenna decida poi di radicarsi nel territorio, per svolgere la propria attività professionale.

Va detto che i professori incardinati a Ravenna (alcuni concorsi sono già stati espletati) svolgeranno nella sede ravennate almeno il 75% delle 120 ore del monte complessivo annuo mentre il restante 25% potrà essere eventualmente svolto in una delle cinque sedi dell’Ateneo, favorendo il radicamento e lo sviluppo di collaborazioni anche per i docenti che insegnano le materie chiamate "di base".

Importanti anche le collaborazioni che si potranno avviare con i Corsi di Laurea già esistenti da decenni all’interno del Campus ravennate, come con quelli di Chimica ambientale, Giurisprudenza e Beni culturali, con l’obiettivo anche di mettere a punto progetti di ricerca interessanti a livello europeo. E anche con il porto, sarà possibile intraprendere rilevanti sinergie e collaborazioni.

L’arrivo di Medicina e Chirurgia valorizzerà, quindi, tutte le eccellenze della città. Questo grazie all’intuito di Comune, Ausl, Fondazione Cassa di risparmio di Ravenna e alla collaborazione della Fondazione del Monte di Ravenna e Bologna, Villa Maria Cecilia e lo IOR.

In tutto questo, è giusto dare merito alla Fondazione Flaminia di aver svolto un ruolo di supporto con il suo presidente Lanfranco Gualtieri, e di essersi esposta finanziariamente investendo circa un milione di euro nei laboratori e nell’acquisto di attrezzature. Oltre a questo, Flaminia è il collettore dei fondi di tutti coloro che hanno finanziato il Corso, in pratica è il garante tra loro e l’Ateneo. Inoltre, con il suo personale si farà carico, assieme ad UniBo, della gestione di Palazzo Corradini messo a disposizione dal Comune per l’avvio delle lezioni.

Si può affermare che Ravenna, che da poco ha festeggiato i 30 anni dell’insediamento universitario, ha nell’ultimo anno consolidato la presenza dell’università facendo del Campus una sede prestigiosa.

MVV


© copyright la Cronaca di Ravenna
CONDIVIDI

Altro da:
Sopra le righe

Il mito all'asta. Collezionisti pronti al rialzo per le bici del Pirata

I cimeli di Marco Pantani e dell’epopea della Mercatone Uno in vendita all’incanto. ...

Il mito all'asta. Collezionisti pronti al rialzo per le bici del Pirata

I cimeli di Marco Pantani e dell’epopea della Mercatone Uno in vendita all’incanto. ...

Spring Festival Tokyo, El País e Rossijskaja Gazeta: così Muti porta Ravenna nel mondo

L'effetto moltiplicatore dello streaming dedicato ai due concerti dell'Orchestra ...

Spring Festival Tokyo, El País e Rossijskaja Gazeta: così Muti porta Ravenna nel mondo

L'effetto moltiplicatore dello streaming dedicato ai due concerti dell'Orchestra ...

Giorgia Severi, quando l'arte sposa l'agricoltura

Ha preso parte alla Biennale di Venezia, studiato gli artisti aborigeni e ha fondato ...

Giorgia Severi, quando l'arte sposa l'agricoltura

Ha preso parte alla Biennale di Venezia, studiato gli artisti aborigeni e ha fondato ...

RAVENNA FESTIVAL

Un libro per te

Per celebrare il 25 novembre, un libro dedicato a Frida Kahlo

Nella Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, vittime di maltrattamenti ...

Sopra le righe

Il mito all'asta. Collezionisti pronti al rialzo per le bici del Pirata

I cimeli di Marco Pantani e dell’epopea della Mercatone Uno in vendita all’incanto. ...

Spring Festival Tokyo, El País e Rossijskaja Gazeta: così Muti porta Ravenna nel mondo

L'effetto moltiplicatore dello streaming dedicato ai due concerti dell'Orchestra ...

Giorgia Severi, quando l'arte sposa l'agricoltura

Ha preso parte alla Biennale di Venezia, studiato gli artisti aborigeni e ha fondato ...

L'intimo sportivo in carbonio di Sixs

Scopriamo l'azienda di Bagnara, 'made in Italy' preferito dagli atleti

Fernandel, una piccola ma tenace casa editrice

Giorgio Pozzi l'ha fondata nel 1994. Le novità in uscita

Anna Fietta: "Il sistema turistico ravennate è diventato molto forte"

A proposito della seconda ondata della pandemia, commenta: "Ho il sospetto che ci ...

Giacomo Baldi, una vita di scatti fotografici

Ancisi ricorda la figura dell'88enne scomparso recentemente

"Lavoriamo per costruire una cultura di pace"

Riflessioni del sindaco Michele de Pascale sul Giorno dell'Unità Nazionale e delle ...